La persona giusta al posto giusto … al momento giusto

Tutte le organizzazioni che operano per gli Altri hanno, per natura, bisogno degli Altri per poter perseguire la Mission per la quale sono venute al mondo. L’azione di ricerca volontari è qualcosa che, ancor più che la ricerca di fondi, necessita di un’attenta pianificazione e di precise tecniche che non possono essere ignorate.

Definire le condizioni organizzative ottimali per un’azione di people raising è certamente una sfida molto stimolante, poiché queste sono da ricercare non solo in taluni aspetti dell’organizzazione ma nell’organizzazione stessa in tutta la sua globalità.
 Il punto di partenza è la missione sociale, lo scopo primario dell’agire associativo, il bisogno per la cui risoluzione il volontario dona il proprio tempo. La missione deve apparire all’interno dell’associazione in modo chiaro, condiviso ed uniforme. Solo in questo modo potrà essere comunicata verso l’esterno nel modo corretto, al fine di creare la giusta aspettativa.

Oltre alla missione, va presa in esame l’organizzazione interna. Il prendersi cura dei nessi di relazionalità all’interno della realtà organizzativa rappresenta il passo principale per poter analizzare il contesto interno di riferimento orientato al people raising. Il rischio di tralasciare questi aspetti della vita associativa comporterebbe, in un momento successivo, una grande difficoltà nel mettere in azione le persone che si avvicinano all’associazione per le motivazioni più varie, ma che necessitano inevitabilmente di un punto di riferimento organizzativo in grado di convogliare le motivazioni dei singoli verso l’unico obiettivo finale: la missione associativa.

Il nostro approccio al people raising non focalizza l’attenzione solamente sulla fase della ricerca o dell’implementazione di una campagna, ma prevede più passaggi: analisi interna, selezione, inserimento, intrattenimento. Questi passaggi sono da prendere tutti in considerazione per il successo dell’azione. Il ciclo di people raising, inteso, quindi, non solo come una semplice azione di ricerca volontari ma, recuperando il vero significato etimologico del termine, come un percorso, si conclude là dove ha inizio, ovvero con una continuativa analisi interna. Questa va realizzata costantemente ad ogni livello organizzativo proprio per assicurare che siano presidiati tutti gli aspetti dell’associazione e che le relative azioni, quali ad esempio la ricerca volontari, vengano svolte con consapevolezza e con metodo.

Iscriviti alla Newsletter

Archivio Notizie

Share This