Il percorso di fundraising per gli Enti Ecclesiastici e religiosi

Nell’arcipelago delle organizzazioni non profit che hanno caratteristiche diverse per entità giuridica e settore d’intervento, ci sono caratteristiche comuni a tutte le diverse realtà e peculiarità che appartengono al mondo di ciascuna di queste. Sulla base di queste considerazioni e di un’importante esperienza nell’ambito delle cosiddette organizzazioni a movente ideale, il Network Romboli Associati ha dato vita al progetto Religious Fundraising concentrandosi sullo sviluppo di servizi specifici rivolti a tutte quelle realtà presenti nel nostro paese, che si definiscono organizzazioni di origine religiosa.

Tali entità si ritrovano nel nostro ordinamento giuridico sotto varie e diverse forme. Il Ministero dell’Interno evidenzia la presenza di ben 36.000 enti ecclesiastici di ambito cattolico (comprese 26.000 parrocchie) e circa un centinaio invece quelli appartenenti a chiese evangeliche protestanti, induisti e buddisti (questi ultimi ammessi da quest’anno al beneficio dell’8×1000). L’ultimo censimento Istat ha rilevato 6.782 organizzazioni non profit operanti in ambito religioso con i 2.846 addetti e 154.670 volontari attivi. Insomma un popolo di enti e persone che spinte da motivazioni ideali ogni giorno opera per sostenere attività di culto ed attività di solidarietà sociale legate alla propria fede.

Di fronte ad un panorama di tale portata, il Network Romboli Associati ha deciso di dare una risposta ai bisogni emergenti nelle diverse realtà ecclesiastiche e religiose, promuovendo momenti di discussione e confronto sui temi di principale interesse per il mondo non profit.

È possibile consultare l’offerta formativa per l’anno in corso ed iscriversi visitando il sito www.religiousfundraising.it

Iscriviti alla Newsletter

Archivio Notizie

Share This